5 gennaio 2008

Fili intrecciati

Strana avventura è quella della vita. Talvolta incomprensibile, molto spesso lontana dai nostri progetti ma più bella di quel che avremmo mai immaginato, altre volte esattamente quella che desideravamo ma meno bella di quel che credevamo.

Vite che s'intrecciano, vite che si uniscono, vite che si dividono, vite che si perdono, storie che si sentono, giorni che cambiano, colori che mutano e niente che rimanga com'era prima.

Non c'è un rapporto che non cambi nel tempo, non c'è sentimento che non muti, non c'è carattere che non si modifichi, non esiste niente di uguale identico ad un minuto prima.

L'intero universo si muove, la natura, gli animali, i pianeti e l'uomo... tutti protesi verso il futuro, verso il mutamento.

Realtà profondamente affascinante, però a volte realtà difficile da digerire. Perchè alla fine vorremmo sempre che le cose fossero determinate, definite e l'incanto che a volte si crea in certe situazioni vorremmo davvero che fosse eterno, eterno ed immutabile, eterno fisso. Ma non è mai così. Perchè non c'è niente di fisso se non l'unica cosa fissa: l'Eterno.

Ed il nostro andare avanti, sempre costantemente avanti assecondando l'esistente natura delle cose contro la quale nessun uomo ha il potere di lottare, non sarà forse un avanzare, anch'esso, verso l'Eterno, a cui tanto aneliamo e che tanto desideriamo? Non sarà forse un cammino verso quella Pace Profonda e quella Felicità che ogni uomo cerca in vita sua e che spesso stentiamo a trovare?

Le nostre non sono esistenze isolate, distinte, distaccate le une dalle altre, in nessun senso. Siamo come un grande tappeto ed ognuno di noi è un filo e siamo legati gli uni gli altri, a volte siamo annodati e non produciamo la trama lineare che fa parte dell'intero disegno del tappeto. Ognuno ha un colore e anche più colori ma la vera nostra bellezza è l'essere tutti assieme parte dello stesso grande mistero e della stessa grande immagine che non si mostra per quel che è nella sua totalità se non quando tutti i fili sono al proprio posto e pettinati bene. Altrimenti il tappeto ha buchi, nodi ed intrecci irregolari che non c'entrano niente con l'idea originale dell'Artista.

Eppure, il nostro, è un Grande Artista.

23 commenti:

  1. eppure non so se mai saranno tutti pettinati e apposto questi fili..
    l'intreccio c'è..e ci sarà sempre :)
    non è perfetto ma ciò non toglie che sia bello :)
    e per fortuna che cambiamo..cambia tutto in continuazione..è per quello che è bello vivere!sai che storie se fosse sempre tutto uguale..
    :D

    RispondiElimina
  2. "Conosci gli invisibili filatori dei sogni?
    Son due: la verde speranza e la torva paura.
    Han fatto scommessa chi fila di più e più leggero:
    una, il suo fiocco dorato; l’altra il suo fiocco nero.
    Con il filo che ci danno, noi tessiamo, quando tessiamo" (Machado)
    M'è sempre piaciuta questa poesia, perchè secondo me da una visione particolare della vita; cioè la totale libertà, di scegliere di tesserla con il filo della paura o della speranza!
    La cosa bella è che non c'è restrizione, sta a noi la scelta di mescolare l'oro con il nero o di tessere anche solo in maniera monocromatica...però tra lo scegliere ovviamente si gioca anche la nostra decisione su come vogliamo affrontare la vita, con paure o con speranze...!
    Buona filatura,sognatori!

    RispondiElimina
  3. che bel pensiero davide :D
    non conoscevo questa poesia..bella..!

    RispondiElimina
  4. Grazie! :)
    questa poesia ha una lunga storia..l'avevo trovata ad un laboratorio scout a cui ho partecipato e me ne sono "innamorato"; me la sono scritto e poi l'ho messa nel foglio della cerimonia della mia partenza scout, dove solitamente metti le cose significative per te e le cose che ti rappresentano!!!
    Sai, la cosa bella è che quando l'ho trovata, che avevo 16 anni, mi era piaciuta, ma fondamentalmente non la capivo; ora, che ne ho quasi 24, trovo che sia stupenda e che disegni molto bene un modo di interpretare la libertà e le scelte che quotidianamente facciamo!
    Buona filatura!!!

    RispondiElimina
  5. :) grazie
    Buona filatura anche a te allora ;)
    PS: prendo "in prestito" pure io la poesia.. :P

    RispondiElimina
  6. Grazie!
    Fai pure, anche perchè credo che quando una cosa bella ci stimola e ci appassiona vogliamo che questa venga condivisa anche da altri!
    Quindi...dai pure il filo a chi ne ha bisogno...!!!
    Ciao ;)

    RispondiElimina
  7. "Tutto scorre e non puoi entrare nelle acque dello stesso fiume una seconda volta" diceva Eraclito...
    siamo in continuo divenire... e la felicità ci scorre addosso... non possiamo afferrarla... trattenerla.. ma possiamo viverla... goderne ogni istante... apprezzare ogni attimo di cui c'è stato fatto dono...
    E che le benedizioni si rinnovino su di noi ogni mattina... come la manna nel deserto.. sempre fresca..
    Ti lascio con le parole di un canto a Dio:
    "Let the rain of your presence fall on me
    Every day that I live with every breath I breathe

    Let the rain of your presence fall on me
    Everywhere that I go, Lord let your presence flow

    Rain on Me

    Love divine
    Joy unspeakable
    Overflowing in my soul

    This heart of mine
    Is refreshed and at rest
    In your presence, in your presence "
    Un abbraccio... Noemi

    RispondiElimina
  8. @crazynovember: si forse non saranno mai tutti pettinati... è un buon motivo per avere semrpe qualcosa da fare, pettinarci! Sono d'accordo con te che è bello che sia tutto in movimento... milioni di sfaccettature,milioni di idee, milioni di colori :D

    @davide: bella la poesia, non la conoscevo... grande Davide! ;) Cercheremo di filare qualcosa di buono :D ... anche assieme!

    @demi4jesus: grazie Noemi per il canto, davvero bello!

    RispondiElimina
  9. anno dopo anno,
    filo dopo filo,
    si accumola polvere e
    non tutti i colori risaltano,
    ogni tanto devi fermarti,
    devi sciacquare quel tappeto
    per rivederne tutte le sfumature
    e quando non puoi lavarlo,
    continui ad intrecciare fili neri
    e non riesci a distinguere
    tutte le trame.

    RispondiElimina
  10. @anonimo: grazie per il tuo pensiero, è davvero bello... :) la prossima volta però firmati... così almeno sappiamo chi sei! Buona vita...

    RispondiElimina
  11. Forse il tuo caso non è mai un caso, quindi è meglio non lasciare mai niente al caso.

    RispondiElimina
  12. Passo da te a quest'ora tarda, (non riuscivo a dormire, dopo 3 notti di lavoro ho invertito il ritmo sonno/veglia)sapevo che essere qua mi avrebbe dato quella serenita' e quel pensiero da portare con me nel chiudere gli occhi.
    Notte
    Dona

    RispondiElimina
  13. Ciao a tutti sono qui di passaggio...veramente molto bella la poesia citata da Davide!
    Sicuramente da ricordare :-)

    RispondiElimina
  14. faccio progressi!!
    ho iniziato a dare una spazzolatina, con il pettine a denti larghi per non farlo incastrare :D
    ed ho pure riconosciuto il mio primo filo dorato :D
    salutino ;)

    RispondiElimina
  15. @anonimo:

    @dona: :) accipichia, mi fa davvero piacere che il mioblog ti trasmetta serenità! Eureka!

    @crisblogger: benvenuto! :) Grazie per essere passato di qua...

    @crazynovember: eheheh grande! Io sono un po' incasinato... ho una lista lunghissima di nodi da sciogliere! Ci vuole tempo e pazienza :)

    RispondiElimina
  16. eh lo so :)
    magari ne sciogli uno e se ne creano tre da un'altra parte.. :(
    succede..è dura diventare così abili da riuscire a tenere tutti i fili liberi..

    RispondiElimina
  17. E' bello immaginare tanti fili colorati che si intrecciano fino a formare una trama, quella della vita di ognuno di noi. Ogni filo si lega ad un altro e insieme formano un tessuto di vita, sentimenti, emozioni e stringendosi insieme procedono verso altri fili nuovi. Ciao Lorenzo

    RispondiElimina
  18. @crazynovember: eh si... è un cammino faticoso.

    @cristina: :) già intendevo proprio questo... buona vita cristina!

    RispondiElimina
  19. Avevo identificato il tuo tappeto ad una camicia bianca bucata riposta in un cassetto per tantissimissimi anni poi, chissà perché, l’ho dovuta tirata fuori per rattopparla. L’ago e i fili colorati me li hanno donati le persone che… non danno consigli sentendosi come Gesù nel tempio.
    Grazie Lorenzo,
    annag

    RispondiElimina
  20. @anonimo: se ho capito bene, ma non ne sono certo, intendi dire che dopo tanti anni ti sei ritrovato/a con una camicia bianca bucata fra le mani e che alcune persone ti hanno dato una mano per rattopparla, giusto? E queste persone non si ritenevano Gesù nel tempio, ovvero coloro che sanno la Verità, cioè non si sono comportati con te come dei "dispensatori di consigli" o come "coloro che sanno e te non hai capito niente", giusto?

    Beh se è così sei stato/a fortunato/a... è molto facile cadere nel giudizio e credere che noi vediamo bene le cose mentre gli altri sono tutti sbagliati e spesso capita di mettersi sul piedistallo e di vedere le cose dall'alto. Io non credo che Gesù nel tempio dispensasse consigli da saccentone... credo che anzi incarnasse un'umiltà profondissima. Erano gli altri che da sacerdoti del tempio saccentoni, non accettavano quell'altro che metteva in gioco le loro verità, che verità non erano e si incacchiavano con Gesù. Praticamente essi, dinanzi alla Verità, hanno scoperto le loro nefandezze ed i loro comportamenti errati. Niente di più di quel che succede a noi...

    Grazie a te annag per essere passato/a di qua... :) ti auguro buona vita!

    RispondiElimina
  21. mi ero dimenticata di chi mi aveva donato il filo per imbastire...
    un sincero augurio di Buona Pasqua
    annag

    RispondiElimina
  22. @anonimo: auguri anche a te annag! :)

    RispondiElimina