16 dicembre 2007

Ho ancora un sogno

Tramonto in Africa
Sognare è necessario come respirare.

Andare lontano, in un posto che nemmeno immagino che esista, partire ancora e ritornare. Stupirsi di quanto sia grande il mondo e di quanto siano belli paesaggi e colori. Incontrare uomini diversi, ma proprio diversi da me, che seguono altri riti ed altre religioni, e scoprirsi intorno ad un tavolo o seduti in terra su un tappeto più fratelli dei parenti di sangue... e bere a questa libertà dell'essere figli dello stesso Padre, amici, compagni, parenti. Ridere insieme, insieme bere qualcosa, guardarsi negli occhi, alzarli al Cielo e ringraziare ancora. Abbeverarsi gli uni degli altri e addormentarsi felici per aver dato quel che si è nella semplicità della vita, con un sorriso ed un abbraccio, con il calcio ad un pallone rotto che non rotola come dovrebbe e che non ha porta dove entrare, nè marca da pubblicizzare, ma solo piedi, uguali e diversi, piedi che gli battono addosso indistintamente, contento di prendere tante botte senza ragione ma facendo felici uomini e bambini di ogni razza, idea e colore.

Andare lontano e scoprire che lontano, è vicino. Andare e tornare guardando le cose da un altro punto di vista, e chiedersi dov'è la propria casa e scoprire che la propria casa è il mondo intero. Non bastano quattro pareti e tre mattoni per essere considerata casa, perchè la vera casa è là dov'è il proprio cuore, là dove anela ad essere il proprio cuore.

Sfondare le mura, quelle della nostra mente e quelle della nostra vita, che ci legano dentro confini prestabiliti. Sfondarle, ma non per costruirne di nuove, ma per godere a pieno dell'aria aperta, dell'aria fredda della mattina e risvegliare noi stessi, ridestarsi dal sonno della morte ed abbracciare la Vita, in ogni sua ampiezza ed altezza, senza confini, senza coordinate. Abbattere le mura e far entrare il cielo, dentro di noi e dentro le nostre vite, perdendo chi siamo per incontrare chi siamo, perdendo noi stessi per incontrare noi stessi.


E stare incantato ad osservare il tramonto, aspettando un'altra alba, un'altra era ed attenderla e costruirla allo stesso tempo. Aspettarla, ma già vederla, sentirla ma ancora non poterla toccare con mano.

20 commenti:

  1. "Andare lontano e scoprire che lontano, è vicino. Andare e tornare guardando le cose da un altro punto di vista, e chiedersi dov'è la propria casa e scoprire che la propria casa è il mondo intero. Non bastano quattro pareti e tre mattoni per essere considerata casa, perchè la vera casa è là dov'è il proprio cuore, là dove anela ad essere il proprio cuore.

    Sfondare le mura, quelle della nostra mente e quelle della nostra vita, che ci legano dentro confini prestabiliti. Sfondarle, ma non per costruirne di nuove, ma per godere a pieno dell'aria aperta, dell'aria fredda della mattina e risvegliare noi stessi, ridestarsi dal sonno della morte ed abbracciare la Vita, in ogni sua ampiezza ed altezza, senza confini, senza coordinate. Abbattere le mura e far entrare il cielo, dentro di noi e dentro le nostre vite, perdendo chi siamo per incontrare chi siamo, perdendo noi stessi per incontrare noi stessi."

    Mi ha toccato profondamente questo tuo post.. me ne ricorda uno mio.. "Alla ricerca della felicità" :)
    che altro aggiungere a queste tue parole?
    Siamo dei viaggiatori.. navigiamo su questo mare.. aspettando di raggiungere una Terra promessa..e intanto ci godiamo il paesaggio di questo meraviglioso viaggio.. come pellegrini percorriamo questo mondo.. lo coloriamo con le nostre emozioni e lo facciamo battere un pò del nostro cuore... lasciamo orme sulla sabbia del tempo che forse un giorno serviranno ad un fraterno cuore per ritrovare la Via..
    E intanto miriamo la Mèta..un'alba nuova.. la Celeste Patria..

    RispondiElimina
  2. @demi4jesus: sì sì, proprio come dici te... pellegrini che cercano, che qualcosa hanno già trovato, ma solo degli indizi, come in una bella caccia al tesoro. :)

    RispondiElimina
  3. principasticcio17 dicembre 2007 13:42

    E' un post profondo e intenso, l'ho letto con sincera partecipazione.
    Mi ha colpito questo passaggio "la vera casa è là dov'è il proprio cuore", perché mi ha ricordato dei versi scritti da me tempo fa:

    La mia casa si trova
    dove c'è il mio cuore
    in un angolo di terra
    che si protende tra alberi e mare.
    Da qui tutto appare
    nell’esatta dimensione
    ridotto all’essenza
    luce.

    Un caro saluto,
    princi

    RispondiElimina
  4. @principasticcio: sì, in effetti è esattamente la stessa idea :D Grazie per essere passata di qua...

    RispondiElimina
  5. Bellissimo... E che dire di più? Sono parole che parlano da sole, qualsiasi commento sarebbe superfluo. Grande Lore! =)

    RispondiElimina
  6. Com'è bello abbandonarsi a pensieri finalmente slegati dagli aspetti peggiori della quotidianità!
    A volte si avverte l'esigenza di andare oltre, di superare i confini del ruolo che ciascuno di noi ricopre nel suo piccolo mondo, per abbatterli e per avere una concezione meno angusta del mondo circostante.
    Bel post, complimenti! :))

    RispondiElimina
  7. @romina: sì, capisco perfettamente quello che dici e ritrovo pari pari questo tuo pensiero nei post del tuo blog, davvero molto belli. La vita nasconde semrpe piccoli attimi di eternità... e chi non li coglie, secondo me, si perde il gusto vero della vita. Grazie per essere passata di qua ed aver lasciato una tua impronta con un commento! :D

    RispondiElimina
  8. Bellissimo post Lorenzo! ;)

    RispondiElimina
  9. @sara e crazynovember: grazieee! :D

    RispondiElimina
  10. Hey Lorenzo.. fai un salto nel mio post "vi sto dicendo grazie! ;)

    RispondiElimina
  11. VISTO DA VENERE
    La prima stella della sera
    La gente cerca splendidi panorami
    per piantare le proprie radici
    e poi
    non si concede il tempo
    per poterli ammirare
    e
    se ad essi
    aveva affidato il suo futuro
    verrà il giorno
    in cui si renderà conto
    che il futuro sta solo nell’ amore
    Solo dove c’ è amore c’ è futuro
    Non conta dove saremo
    ma che saremo insieme.
    Dona
    Ps. mi farebbe piacere che tu passassi da me, c'e' un pensiero che ti riguarda.

    RispondiElimina
  12. bello il tuo diario di bordo:)felice natale

    RispondiElimina
  13. @demi4jesus: passato... grazieeee! ;)

    @dona: bella questa poesia... è tua? Sono passato da te, grazie per il pensiero! :)

    @francesca: grazie e buon natale anche a te... buone feste e buon 2008!!!

    RispondiElimina
  14. Andare e tornare... Bello quello che dici... vengo anch'io...Giulia

    RispondiElimina
  15. E noi tuti veniamo con te....

    RispondiElimina
  16. @giulia e isola08: ehehe, bene, facciamo un bel viaggio tutti assieme! Perchè no? Va bene a tutti l'Africa? :)

    RispondiElimina
  17. Laura,lookingformyworld.wordpress.com20 dicembre 2007 22:08

    "Andare lontano e scoprire che lontano, è vicino." E' vero.
    Andare lontano... Quanta voglia di andare lontano.

    RispondiElimina
  18. @laura: sì a volte è così per me... a pensarci bene a volte potrebbe anche esserci il rischio di voler scappare dalla realtà, senza volerla affrontare, in tutto quel che è. Resta però il fatto che un bel viaggio in un paese lontano me lo farei volentieri :)

    RispondiElimina